Sidebar

  twitter   instagram

VI Domenica del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Marco

 

Mc 1,40-45

 

In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va', invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

 

Commento al Vangelo di don Fabio Rosini, ricavato dal sito http://www.vaticannews.va/it/chiesa/news/2018-02/commento-vangelo-domenica-don-fabio-rosini-11-02-2018.html : 

 

Un lebbroso si avvicina a Gesù supplicandolo in ginocchio: «Se vuoi, puoi purificarmi!». 

Secondo la legge del tempo, un lebbroso doveva vivere lontano dalla comunità per non mettere a rischio la salute degli altri.
Ma questo lebbroso si avvicina, fa appello alla volontà del Signore.
Gesù ne ha compassione, tende la mano, lo tocca e gli dice: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scompare.
E’ la violazione della legge: Gesù non dovrebbe toccare il lebbroso e questi non dovrebbe avvicinarsi a lui.
Si passa dalle norme di salvaguardia della comunità alla compassione di Dio.
Il lebbroso è toccato prima di guarire. Poi guarisce.
Per essere guarito ha bisogno di qualcuno che vada oltre la legge, di qualcuno disposto a lasciarsi infettare.
Gesù è venuto a prendersi il male dell’uomo per poterlo guarire. Si è preso la lebbra dell’uomo.
Possiamo contemplare il Signore crocifisso: si è addossato il nostro peccato per farci uscire dalla solitudine ed entrare nella comunione di Dio.
Il Signore continua ad accogliere ognuno di noi e ci tocca quando nessuno ci vuole toccare e ci accoglie quando nessuno ci prenderebbe.
Lasciamoci toccare dal Signore per essere introdotti nella sua comunione.



 

LEGGI IL COMMENTO AL VANGELO DI QUESTA DOMENICA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ti invieremo ogni mese gli aggiornamenti sulle nostre attività e i nostri appuntamenti