Chi siamo

L’Associazione Maria Madre della Provvidenza – ONLUS è stata costituita l’8 maggio 2001 a Torino, in seguito alla trasformazione del precedente Comitato Maria Madre della Provvidenza fondato il 7 novembre 1996.

La nostra Mission

La storia di AMMP

L’idea di riunire un gruppo di persone che fossero disponibili a dedicare un po’ del loro tempo in favore di persone in gravi difficoltà economiche, malate e sofferenti è nata in seguito all’ultimo sanguinoso conflitto nella ex-Jugoslavia (1991-1995). Durante questi anni molti volontari hanno partecipato a diverse spedizioni umanitarie sia in Croazia che nella Bosnia Herzegovina. Oltre al trasporto di medicinali e generi di prima necessità, un gruppo di amici di Torino ha collaborato alla costruzione di un centro di accoglienza per bambini orfani a Citluk, a circa 30 km. da Mostar. Questo centro denominato“Centro Familiare Giovanni Paolo II” è stato inaugurato il 25/6/1996.
Al fine di sostenerlo mediante raccolte fondi il 7/11/1996 a Torino è stato costituito il Comitato Maria Madre della Provvidenza.
Da qui è iniziata la nostra storia. Fin dalle sue origini il Comitato ha fatto della preghiera la pietra miliare da cui partire per testimoniare la carità.
A Maria abbiamo affidato il compito di vegliare e di pregare perché ogni nostro progetto e ogni nostra iniziativa ci porti ad amare di più i nostri fratelli che vivono nel bisogno e nella sofferenza, a lodare Dio, sapendo con certezza che la Divina Provvidenza non ci farà mai mancare nulla.

 

Dalla Bosnia Herzegovina l’amore di Cristo per i fratelli in difficoltà ci ha spinti a testimoniare la solidarietà in Italia e in altre nazioni.
Nel 1997 nell’ Italia centrale ci fu un forte terremoto che colpì le regioni delle Marche e dell’Umbria. Emblematico di quella catastrofe fu il crollo della volta nella Basilica di San Francesco ad Assisi. Il 26 settembre 1997 è una data che per molti abitanti di Umbria e Marche resterà scolpita a lungo nella memoria e come Comitato siamo stati chiamati ad aiutare un parroco nella città di Foligno in provincia di Perugia. Con alcuni furgoni abbiamo portato generi alimentari, coperte, medicinali e abbiamo acquistato e installato un impianto elettrico in un grande prefabbricato adibito a scuola materna ed elementare.

Vuoi conoscere meglio com'è nata AMMP, quali traguardi ha raggiunto e che cosa ha fatto per la comunità locale e non solo?

Tra il 1998 e il 1999 abbiamo contribuito, sia con raccolte fondi che con l’invio di numerose squadre di volontari, alla costruzione di un ospedale con 140 posti letto nella città di Nyapea nel distretto di Zombo, sottoregione del Nilo occidentale, nella regione settentrionale dell’Uganda, sotto la direzione del diacono permanente Giorgio Giampietro (deceduto nel 2018) della parrocchia di Saint Vincent (AO).

Tra il 1999 e il 2000 abbiamo dato vita al progetto “Agrovita Mostar” dallo slogan -“Una mucca per la vita” ( “Jedna krava za zivot” in lingua croata) per rivitalizzare l’agricoltura e l’allevamento a Mostar (Bosnia Herzegovina) e nella provincia. In questo grande progetto il Comitato ha coinvolto la “Missione Arcobaleno”, la “Federazione Provinciale dei Coltivatori Diretti di Torino”, la “Fondazione CRT”, la “Regione Piemonte”, la “Caritas Diocesana di Torino” e la “Caritas Diocesana di Mostar”. Sono stati raccolti oltre 2 miliardi di Lire e tra i più importanti obiettivi realizzati ricordiamo la creazione di cooperative agricole (fornendo ai contadini mucche, maiali e pecore) e l’acquisizione di molti ettari di terra per impiantare vigne nonché la ricostruzione e l’ampliamento della centrale del latte di Mostar (Movita) per creare nuovi posti di lavoro.

Tra il 13 e 17 di ottobre del 2000 ci fu una grande alluvione nel Nord Ovest dell’Italia, sopratutto in Piemonte, una tra le peggiori che abbia mai colpito questa

page1image27554368

regione. Più di 500 millimetri di pioggia in poche ore: un incubo di acqua e fango portato dal ciclone Josefine. Esondarono diciotto fiumi, i principali furono Dora Baltea, Dora Riparia, Orco, Sangone, Stura, Tanaro, e infine il Po, che raggiunse la portata record di 13.900 metri cubi al secondo, sommergendo Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria. Numerosi volontari del Comitato si misero in azione e, oltre a raccogliere fondi, aiutarono la protezione civile a spalare fango e soccorrere persone in difficoltà. Il nostro aiuto si focalizzò soprattutto a Torino e a Santo Stefano Belbo (CN).

Nel 2001 abbiamo dato vita al progetto “Auxilum” per assistere famiglie e persone anziane in gravi difficoltà economiche mediante contributi in denaro per pagamento di utenze varie (luce, gas, affitti e riscaldamento). L’ Associazione si impegna anche nella ricerca di posti di lavoro e nel reperimento di alloggi per le situazioni più gravi e urgenti.

Nel 2006 abbiamo iniziato una collaborazione con i religiosi camilliani di Torino per la costruzione del Foyer Bethlèem a Port au Prince, ad Haiti, per la cura e l’assistenza a bambini disabili. Ad Haiti il 75% della popolazione vive in condizioni di estrema povertà, in molti casi senza acqua ed elettricità. Il 70% della forza lavoro è senza occupazione e l’agricoltura non è in grado di soddisfare il fabbisogno degli abitanti. L’ Associazione ha raccolto fondi e inviato diversi volontari per aiutare la popolazione haitiana, la cui sopravvivenza (aggravata da problematiche inerenti a violenza e corruzione) è basata quasi esclusivamente sugli aiuti internazionali e sulle rimesse degli immigrati.

Nel 2008 parte il progetto “I cinque pani” un sostegno a livello alimentare per famiglie e persone anziane in situazioni precarie residenti a Torino, che ha visto il coinvolgimento di numerose parrocchie della diocesi. L’ Associazione si occupa di reperire supermercati nel territorio delle parrocchie e assegna ad ognuna un punto vendita. Tutti gli alimenti raccolti dai volontari delle parrocchie rimangono a loro e verranno poi distribuiti agli indigenti.

Nel 2009 ha inizio in Mozambico il progetto “Kanimambo”. I volontari di questa sede hanno a cuore progetti umanitari ispirati alle parole di San Giovanni Paolo II volte alla creazione di un futuro migliore e di maggior giustizia mediante aiuti concreti volti a soccorrere il mondo infantile dell’Africa, soggetto a frequente mortalità a causa delle condizioni di estrema povertà, malnutrizione, malattie.

Per questo collaborano con il personale missionario e con il clero diocesano in Mozambico dove in centri appositi sono accolti bambini orfani, abbandonati, fanciulli di strada esposti a crescere senza istruzione e divenire preda facile di soprusi d’ogni genere. Con iniziative varie si propongono di raccogliere aiuti concreti per intervenire nelle realtà più bisognose del Mozambico e contribuire al miglioramento delle condizioni di vita in cui buona parte della popolazione deve vivere.
Nel 2013 prende il via a Torino la “mensa domenicale” per famiglie disagiate che vivono nel quartiere popolare San Paolo di Torino. La mensa si trova presso l’Istituto Madre Mazzarello delle Suore Figlie di Maria Ausiliatrice. Gli ospiti vengono inviati dalle parrocchie che compongono l’unità pastorale del quartiere. Il pasto domenicale consiste in un primo, secondo, contorno, pane, frutta e caffè. Gli alimenti vengono acquistati direttamente dall’Associazione al sabato e poi cucinati alla domenica mattina dai volontari.

Nel 2014 inizia il progetto nella Guinea Conakry denominato “Centro di formazione culturale e spirituale Abbè Joseph Treves e Innocenzo Treves”. Il costo totale di questo progetto è stato sostenuto da due benefattori della nostra Associazione, Maria e Mario Treves della Valle d’Aosta. L’obiettivo globale del progetto è stato quello di favorire una educazione di qualità per tutti, mentre gli obiettivi specifici sono stati:

  1. costruzione di ambienti scolastici per renderli più attraenti per i bambini;
  2. diminuire il tasso di abbandono scolastico;
  3. aumentare il tasso di completamento dell’istruzione primaria;
  4. formare e coinvolgere i genitori nella gestione e nel funzionamento della scuola;
  5. favorire una professionalizzazione degli insegnanti attraverso sessioni periodiche di formazione. Il progetto viene terminato nel 2017.

Nel 2015 viene avviato il progetto “SOS Vita” con i nostri volontari della Lombardia. L’aborto è la soppressione della vita di un essere umano durante lo sviluppo prenatale. Esso è pertanto un vero e proprio omicidio che molti Stati, compresa la nostra “democratica” Italia, consentono legalmente. Si calcola che ogni anno, nel mondo, vengono uccisi 50 milioni di esseri umani mediante l’aborto procurato. In Italia si praticano legalmente, ogni anno, circa 140.000 aborti. Alcuni volontari dell’Associazione essendo operatori sanitari aiutano le mamme che non vogliono abortire e, oltre ad un aiuto psicologico, viene fornito loro un sostegno economico.
Nel 2016 apre anche la “mensa serale” per persone senza fissa dimora. La mensa è aperta 365 giorni all’anno e non chiude mai, neanche d’estate.
L’ Associazione ha coinvolto in questo progetto la Caritas diocesana di Torino, la congregazione dei Fratelli delle Scuole Cristiane e la cooperativa Gruppo Arco.
I pasti sono forniti da una ditta di catering e sono pagati direttamente dalla Caritas. La struttura si trova nei locali dell’Istituto Arti e Mestieri di proprietà dei Fratelli delle Scuole Cristiane, nel quartiere San Paolo. I volontari di questa mensa sono tutti della nostra Associazione. Nel 2019 abbiamo collaborato con il gruppo del “Dolce di San Giovanni” i cui proventi sono destinati alle associazioni che si occupano di bambini abusati e associazioni che seguono detenuti in fase di riabilitazione.
Nel 2019 alcuni artisti di fama nazionale e internazionale hanno donato alla nostra Associazione una trentina di opere a sostegno delle nostre iniziative. Queste sono state esposte nella mostra di pittura e scultura “Transiti” organizzata da AMMP e curata da Raffaella Caruso da giugno a luglio 2019 a Palazzo Lascaris, sede del consiglio regionale del Piemonte, e nel febbraio del 2020 nella Basilica di San Lorenzo di Firenze.
Il progetto “adotta un’opera buona” nasce proprio da qui e conduce alla partecipazione di AMMP in quanto partner di “The Economy of Francesco”, il Convegno mondiale che su ispirazione di Papa Francesco ha permesso ad economisti, imprenditori e change makers under 35, di lavorare ad un nuovo paradigma economico. Nello specifico AMMP vi ha consentito la partecipazione a giovani provenienti da paesi in via di sviluppo o viventi situazioni di difficoltà mediante “borse di studio”.

A partire dalla fine del 2019 e per tutto il 2020 la pandemia da Covid-19 ed il conseguente stato di emergenza globale hanno condotto ad un aumento esorbitante delle richieste di aiuto da parte dei nostri concittadini. Per far fronte a questa situazione ancora in corso e per poter aiutare sempre più persone mantenendo le misure di sicurezza abbiamo attivato alcune campagne di raccolta fondi ed alcune raccolte alimentari con la modalità della “spesa sospesa”, grazie alle quali sono stati raccolti 280 quintali di alimenti. Abbiamo inoltre attivato il servizio di “solidarietà a domicilio” per far recapitare i pacchi viveri a casa dei nostri utenti dei progetti “Auxiulum” ed “I cinque pani” impossibilitati ad uscire a causa del lockdown. Il servizio continua nei confronti dei soggetti a rischio o in difficoltà e si propone di contrastare anche fenomeni di isolamento e solitudine.

La pandemia, che sta producendo effetti devastanti in tutto il mondo, ha messo a dura prova anche le realtà della Bosnia Erzegovina che si trovavano già in precedenza in condizioni difficili. Per questo motivo nel mese di novembre (2020) alcuni volontari ed amici della sede AMMP di Castiglione D’Adda hanno partecipato al “Pellegrinaggio di carità” in Bosnia Erzegovina, organizzato dall’ Associazione A.R.PA. (Lecco) di Alberto Bonifacio mediante dieci carovane cariche di generi sia alimentari che volti all’igiene personale. Il furgone dei volontari AMMP si è recato presso moltissime realtà locali quali orfanotrofi, comunità, centri per disabili, associazioni, parrocchie, ospedali psichiatrici, monasteri.

Inoltre dal 2020 é attivo anche il “progetto Luzolo Lua nzambi- Congo” volto alla costruzione di una casa per gli orfani congolesi che vivono drammatiche situazioni di povertà e abusi sessuali, risucchiati in un “inferno” davvero disumano. Per la realizzazione di questo progetto collaboriamo con l’ONG locale “Gloria di Dio”. Continua anche il progetto “Orti sostenibili” di cui si occupa la sede AMMP di Caselle mediante la distribuzione e la commercializzazione di prodotti agricoli biologici a km 0 e che offre lavoro anche a persone “a rischio”.

I progetti ancora in corso sono quindi i già citati “Adotta un’opera buona”, “I cinque Pani”, “Mir i Radost”, “Kanimambo”, “Auxiulium”, “Orti sostenibili”, “
Luzolo Lua nzambi”.

Di strada ne abbiamo fatta tanta, ma il desiderio di fare sempre meglio e sempre di più non si è spento di fronte alla difficile situazione che stiamo vivendo. Al contrario si è rinnovato nella forma e nelle modalità, mantenendo viva la speranza di riuscire a portare sempre più aiuti concreti anche in questo 2021 appena iniziato.

Un grazie di cuore per tutto il sollievo che ci consentirai di offrire e per tutti i sorrisi che riusciremo a strappare anche (o forse “soprattutto”) quest’anno!

Vedi le nostre CERTIFICAZIONI

AMMP ha l'attestato di conformità dell'Istituto Italiano Donazione

Elenco dei componenti del Consiglio Direttivo Nazionale dell'Associazione Maria Madre della Provvidenza (AMMP) per il triennio 2019-2022

organigramma AMMP
Comitato Direttivo:
  • Presidente: Bruno Cavallo
  • Vicepresidente: Roberto Di Dio
  • Vicepresidente: Enzo Valsania
  • Segretario: Alessandro Cavallo
  • Tesoriere: Franco Frammartino
  • Consigliere: Laura Pignatiello
  • Consigliere: Marco Margrita
Revisori dei conti effettivi:
  • Rossella Negri (presidente)
  • Roberto Romagnoli
  • Francesco Isaia
Revisori dei conti supplenti:
  • Paolo Ostorero
  • Carmina Tucci

Fai una donazione

Sostieni i nostri progetti

Diventa volontario

Entra a par parte di AMMP

Segui gli eventi

Rimani aggiornato sui prossimi eventi